Indicizzazione e posizionamento

Indicizzazione e posizionamento Marco Bellu https://www.marcobellu.it/author/marco/

In un precedente articolo ho parlato di come le aziende si fanno trovare su internet dai loro clienti, ma sono stato piuttosto vago e per evitare di dilungarmi troppo ho analizzato solo la user experience di chi fa una ricerca di tipo commerciale, limitandomi inoltre al solo caso di Google.

A questo punto mi sembra che sia giunto il momento di chiarire un pochino di terminologia e vedere cosa si intende per indicizzazione, ottimizzazione e posizionamento di un sito all’interno dei risultati del motore di ricerca, la famosa SERP.

Indicizzazione

Parola usata ed abusata, sia da venditori di servizi web, come i miei vecchi colleghi, sia dai loro clienti che giustamente la ripetono non essendo sempre informati del vero significato di questa parola.

Senza entrare in dettagli tecnici molto complicati, basti sapere che i motori di ricerca creano un indice di contenuti per ogni sito web che analizzano.Questo avviene sia spontaneamente, sia su segnalazione da parte di chi come me, i siti li fa e li gestisce. L’indice è esattamente come quello di un libro: elenca i contenuti di un sito in maniera minuziosa e nelle versioni più recenti degli algoritmi dei motori lo fa in maniera semantica, tenendo conto cioè del significato di questi contenuti, al di la delle singole parole chiave.

Google Aggiunta Rimozione di un URL

Google consente di aggiungere un nuovo sito al suo database.

Quando poi un utente del motore fa una ricerca, il motore confronta ciò che si sta cercando con gli indici e se trova corrispondenza fornisce un elenco di risultati, la famosa SERP di cui parlavo nel precedente articolo.

Quando finisco di lavorare alla creazione di un sito, il primo passo che faccio è segnalare a Google che c’è un sito nuovo. Siccome Google chiede di inserire un codice nel sito o un file sul server, sappiate che i semplici venditori di siti web non hanno l’accesso ai server e quindi quando vi dicono che vi “mettono su Google” vi stanno dicendo cazzate. Solo quando il dominio anzi lo spazio web è il vostro e lo gestisce un consulente come me che ha accesso al server la parola indicizzazione assume un significato, non solo su Google ma anche su Yahoo  e su Bing il motore di ricerca di Microsoft.

Ottimizzazione

Dal 2009 Google non analizza più il meta tag keywords nel codice delle pagine web, per cui non basta più inserire parole chiave a caso e tutto il processo di ottimizzazione ha subito molte evoluzioni. In ogni caso ottimizzare un sito oggi significa far si che il sito web sia di buona qualità, aderente agli standard, usabile, e ricco di contenuti interessanti e coerenti con il tema del sito stesso. Questi contenuti poi devo essere presentati in maniera tale da rendere agevole al motore di ricerca l’indicizzazione e la sistematizzazione degli stessi. Per fare questo occorre applicare svariate tecniche in fase di costruzione del sito e scrittura delle pagine. La cosiddetta attività di SEO, ogni designer ha le sue convinzioni in materia, me compreso e sono un po’ come una ricetta della nonna…

Posizionamento

Il posizionamento dal punto di vista SEO non è altro che portare il proprio sito in una determinata posizione nell’elenco dei risultati di un motore di ricerca (SERP) per una determinata parola chiave. Dovrebbe essere la immediata e naturale conseguenza di una corretta indicizzazione e di una buona ottimizzazione. Cioè se io decido che voglio essere trovato per una determinata keyword e agisco su contenuti e codice nella maniera corretta dovrei ottenere quel risultato. Il posizionamento del sito deve corrispondere al posizionamento della azienda rispetto al suo mercato di riferimento, che invece è un cponcetto di marketing per cui prima di fare un esame della posizione sul listato di Google, io consiglierei anche un esame di coscienza all’imprenditore in modo da valutare bene i propri competitors prima di posizionarsi sul web.

Ricapitolando:

L’indicizzazione è il processo di inserimento di un nuovo sito nel database dei motori di ricerca, è un processo automatico che si può anche velocizzare ma è neutrale nel senso che tutti i siti vengono prima o poi indicizzati.

L’ottimizzazione è un lavoro che fa il consulente (come me) e va fatto tenendo in mente per quali argomenti si vuole far trovare il sito, tenendo in mente cioè il posizionamento che si vuole avere rispetto al mercato di riferimento.

Il posizionamento è il risultato naturale delle scelte fatte in fase di creazione ed ottimizzazione del sito, eventualmente anche di azioni mirate di advertising (a pagamento) effettuate sui motori.

In conclusione:

Se non siete dove vi piacerebbe essere quando vi cercano sui motori probabilmente non avete investito abbastanza, la vera differenza la fa solo il budget.

Il perché lo spiegherò in un’altra puntata.

A presto…

 

 

Condividi:

Contattami