Google My Business e la ricerca locale

Le PMI non sono tutte uguali.  Alcune, specialmente nei servizi, sono aziende locali. Nel senso che la loro attività si esercita in un luogo circoscritto ed è il cliente che si reca in azienda nella stragrande maggioranza dei casi.

Sono ovviamente tutte quelle legate alla ristorazione, la maggior parte dei negozi, ma anche ai servizi alla persona. Lo sono anche quelle che hanno un raggio di intervento di poche decine di km, anch’esse sono da considerarsi locali come ad es. quelle di pronto intervento casa.

Perché usare Google MyBusiness

Le aziende locali non soffrono la concorrenza dai mercati stranieri, non c’è Amazon, anche se immagino che arriverà qualcosa del genere, ma per adesso non c’è. Posso anche comprare un’auto su Amazon ma il mio meccanico sarà dove ho la macchina.

Lo stesso vale per i servizi turistici. Le guide e tutti gli operatori che dell’accompagnamento lavorano in un ambito circoscritto ed è tutto sommato logico che un turista si rivolga per una escursione a una guida locale. Io farei così, se andassi a fare l’ascensione al Monte Bianco contatterei una Guida Alpina del posto.

Ma anche i B&B, gli affittacamere, gli stabilimenti balneari, gli alberghi, e i servizi alla persona, cliniche, scuole e case di riposo.

Ovviamente sono esposte alla concorrenza nella zona in cui operano.

È questo il motivo per il quale esistono da decenni in molti paesi le directories cioè gli elenchi telefonici, sia cartacee sia online, in U.K. le Yellow Pages da noi le Pagine Gialle e diversi altri.

Ma Google è Google e per chi deve trovare una attività locale la sua potenza ha surclassato qualsiasi directory.

Come appare un’attività su Google Maps e accanto il riquadro con i dettagli da Google My Business

Non è solo una questione di rapidità c’è anche dell’altro.

Per esempio la capacità che ha avuto Google di entrare pervasivamente nella nostra vita con una semplicissima pagina a prova di stupido. Google fa dell’immediatezza la sua arma vincente. E poi è del tutto imparziale.

Io ho lavorato in Pagine Gialle, la più grande directory italiana, come Web Consultant e so come funziona. So come le aziende vengono inserite nella directory, quali sono i criteri e posso dire che si riducono a uno solo: i soldi.

Più paghi più stai in altro nell’elenco categorico, tutto qui.

Google è differente. Vediamo un po’ in che cosa.

Mai sentito parlare di Local SEO?

Sicuramente sì, tutti sappiamo che un sito dovrebbe essere ottimizzato per poter essere indicizzato e correttamente posizionato nei risultati di ricerca di Google. Un’attività nota come SEO.

Vale anche quando la ricerca è fatta sulla base di un riferimento geografico: sto cercando un negozio di ferramenta a Olbia e quindi mi aspetto che Google mi dia una serie di risultati pertinenti, come scrissi in questo articolo di qualche tempo fa: https://www.marcobellu.it/come-faccio-a-farmi-trovare-su-internet/.

E cosa c’entra la scheda My Business in un’ottica di Local SEO?

Se cerchiamo un servizio su Google, il motore ci mostra subito la mappa di chi lo offre vicino a noi, oltre a una selezione di siti che ritiene pertinenti per quella ricerca.

Lo screeshot di Google per la ricerca con la keyword locale web marketing Olbia

A volte ci mostra anche un link alle Pagine Gialle, ma sappiamo già che se andiamo li abbiamo di fronte un altro elenco da sfogliare.

E allora se io fossi un imprenditore farei un paio di considerazioni.

  1. Il sito lo devo avere e deve essere dignitoso se no faccio la figura del cialtrone e deve stare su Google in buona posizione.
  2. Perché però devo pagare per essere in un elenco che si raggiunge solo passando da un altro elenco?

Sarebbe possibile dirottare le mie risorse di tempo e soldi in qualcosa di più produttivo, tipo essere dentro quella mappa e possibilmente in maniera visibile?

La risposta è ovviamente sì.

Chi vende spazi sugli elenchi solitamente dice che ti inserisce anche su Google My Business quindi, ti fanno pagare per essere in un elenco che non vede nessuno, però “in regalo” ti inseriscono nel sistema che poi usano tutti.

Questo succede perché Google My Business è gratis.

Ma se io avessi già compilato la scheda Google My Business? Quale sarebbe la proposta di valore che mi può fare il commerciale di una web agency per farmi trovare localmente?

La risposta che hanno studiato: “è comunque un canale in più di comunicazione e qualche cliente può arrivare da li“.

Questo perché non hanno capito come funziona Google, ne come ragiona un imprenditore.

La scheda di Google My Business è del tutto equivalente se non migliore di quella delle directory ma, viene mostrata prima e dipende solo da distanza e pertinenza. Vince il più vicino o il migliore.

Un argomento dei venditori fa leva sulla competitività ed è questo: “se investi (spendi) più del tuo concorrente sarai più in alto nella nostra directory“.

Ma se il tuo concorrente è più vicino a chi cerca apparirà in Google Maps prima di te e prima che sia mostrato il link alla directory che quindi non viene nemmeno aperto.

Poi ci sono un sacco di argomenti che un venditore può usare per convincervi compreso anche la leva sentimentale: “sei con noi da tanto tempo, la scheda su google te la regalo io“.

Se fosse un amico ve la potrebbe regalare (cioè aiutarvi a compilarla) senza vendervi tutto il resto, io l’ho fatto per amici che non sono miei clienti ed è un regalo vero perché questo è il mio lavoro e un’ora del mio lavoro ha un costo.

Quindi tornando a bomba, e parlando di local SEO è importante avere una scheda Google My Business?

Sì è importante e fa da appoggio al sito web aiutandolo seriamente nel posizionamento sul listato.

Come funziona Google MyBusiness

È un servizio di Google, una sintetica scheda aziendale concettualmente del tutto simile a quella delle Pagine Gialle o di altre directory.

Lo stile di Google è ovviamente inconfondibile nella sua semplicità e ogni cosa è al suo posto, ma non è questa la differenza sostanziale.

Google Mybusiness è ovviamente collegato alla sede fisica della azienda in quanto richiede una verifica telefonica o mediante cartolina postale ed è un servizio gratuito.

Se il gps è abilitato sul vostro telefono il sistema vi mostra le attività che cercate in base a due parametri fondamentali: la pertinenza e la distanza da voi. E funziona sul browser del telefono non necessita di avere installata un’app.

Google My Business e Google Maps

Google My Business serve solo per inserire i dati che i navigatori vedranno attraverso Google Maps. Non è altro che l’interfaccia gratuita per inserire la propria azienda nelle mappe di Google.

E tutti vogliamo essere sulle mappe di Google giusto?

Lascia un commento